Prenotare direttamente conviene

  • - Miglior tariffa garantita
  • - Wi-Fi senza limiti
  • - Sconti per traghetto e noleggio auto
  • - Politiche di cancellazione flessibili
  • - Kit di benvenuto*
* per soggiorni di minimo 7 notti
Booking online by Hotel.BB
hotel califfo a cagliari

Storia

Perché si chiama Hotel ‘Califfo’

Dall’anno 1000 fino al 1700, più volte gli Arabi tentarono l’invasione della Sardegna ma furono sempre respinti . Prima nel periodo Giudicale, poi nel periodo Aragonese ed infine con i Savoia, i Sardi sono sempre stati tenaci nel difendere le loro coste.

A testimonianza di questo si possono trovare sia Nuraghi che Torri cosiddette “Aragonesi”, lungo tutta la Costa della Sardegna. Alcune Torri Aragonesi sono state costruite sopra dei Nuraghi esistenti; una testimonianza può essere trovata vicino all’Hotel in prossimità della località Torre delle Stelle.

Una Torre Aragonese denominata Torre Foxi, sorge proprio in prossimità dell’Hotel Califfo.

Gli scontri con i pirati provenienti dalla Tunisia, Algeria, Libia e Marocco, tutti quasi sempre sotto l’egida dell’Impero Ottomano, sono stati frequentissimi e spesso aspri.

In una di queste occasioni, la leggenda vuole che il Califfo Alì Ben Kaddun perse la vita in battaglia; il luogo di questa battaglia tra i Sardi e gli Arabi, dovrebbe essere quello in cui sorge l’Hotel Califfo. Ecco il motivo per cui si decise il nome dell’Hotel.

Aldilà di questa piccola curiosità a cui siamo legati, vorremo segnalare ai nostri ospiti con interessi culturali le seguenti informazioni:

La Sardegna è un’isola antica, affascinante e misteriosa. La sua storia differisce molto dalla storia d’Italia che solitamente conosciamo dalla scolarizzazione e offre molteplici spunti di riflessione. La visita della Sardegna può essere una occasione unica per comprendere lo scenario storico del Mediterraneo ed i collegamenti con civiltà che solitamente non vengono poste in contatto con la storia tradizionalmente insegnata.

Consigliamo di approfondire le due epoche che hanno rappresentato per la Sardegna sia l’indipendenza in termini politici, che lo sviluppo di civiltà autoctone e quindi rappresentano tutte le “diversità” che fanno della Sardegna … quasi un Continente ( vedi il famoso libro di Marcello Serra “Sardegna quasi un Continente”).

Le due epoche in questione sono sicuramente quella Nuragica e quella Giudicale. A questo proposito, non essendo sicuramente questo il luogo di trattazioni storiche, vorremo soltanto proporvi alcune informazioni che hanno il solo scopo di spingere i curiosi ad approfondire gli argomenti:

  • In Sardegna ci sono 10.000 Nuraghi. I guerrieri Sardi tentarono più volte di invadere l’Egitto. La Guardia Reale del faraone Ramses era costituita da guerrieri Sardi.
  • La “Corona de Logu” e la successiva ”Carta de Logu” sono il primo esempio di Democrazia Moderna, infatti la “Magna Carta” non solo è successiva ma viene estorta a Giovanni Senzaterra.
  • La tomba dell’ultimo Re d’Aragona è nella Cattedrale di Cagliari
  • La tomba dell’ultimo erede della Dinastia Savoia è nella Cattedrale di Cagliari
  • Dal 1798 al 1814 Cagliari fu Capitale d’Italia (non tutta e solo sulla carta)
  • Vittorio Emanuele II di Savoia, unificò l’Italia ma non ebbe mai il titolo di Re d’Italia. Fino al 1861 tutta l’Italia era “Regno di Sardegna”.